Caduta del Muro di Berlino e influenze sul sistema politico internazionale e italiano.

muro-di-berlino-caduta-picconate

La caduta del Muro di Berlino, avvenuta in una notte, fu un evento di rilievo mondiale.

Luciano Cafagna la definì come “una pioggia di massi che piovvero in tutte le direzioni e che ancora continuano a far polvere, difatti gli effetti di quel disastro storico furono ampli, complessi e imprevedibili”[1]. Tale evento fece infatti saltare equilibri politici che duravano da anni. Considerato come il simbolo della Cortina di ferro, ebbe un forte impatto politico oltreché emotivo, sociale e culturale, non solo sui cittadini di Berlino o della Germania, ma sul resto del mondo.

Scuola di Cultura Politica: nuova opportunità formativa

testata

È partita venerdì 17, per il quarto anno consecutivo, la nuova edizione della Scuola di Cultura Politica, i cui incontri si terranno presso la Casa della Cultura di Milano, con il patrocinio della Fondazione Feltrinelli. Si tratta di un percorso di formazione politica che si snoda dal mese di ottobre a quello di maggio. Il progetto nasce dalla convinzione che la ricostruzione e la diffusione della cultura politica devono tornare ad essere una priorità.

Ogni anno la Scuola impone una scelta tematica che la differenzia dall’anno precedente, quella di quest’anno porta il titolo: “La democrazia oggi. Minacce e opportunità”. Tale tematica proposta ha al suo centro la questione della democrazia, ovvero le minacce che incombono su di essa e le opportunità che si possono intravedere.

Quando la passione storica incontra l’informatica

ToscanaNovecento 685X190

http://www.toscananovecento.it/

Di recente a Pisa è stata presentata la 3° edizione dell’Internet Festival, kermesse informatica dove vari stand dislocati in più sedi della città promuovono i loro lavori recenti; tra questi ha attirato la mia attenzione la presentazione di un portale di storia del Novecento, visualizzato su un grande schermo.

Il portale è promosso dalla Regione Toscana, coordinato dall’Istituto storico della Resistenza in Toscana e dalla Rete regionale degli Istituti per la storia della Resistenza e dell’età contemporanea.

Il progetto 

V Governo Rumor, la DC e gli anni di piombo

c (1)

Fonte: http://www.centrostudimalfatti.org/cms/mariano-rumor/

3 ottore 1974 Il Presidente del Consiglio Rumor rassegna le dimissioni a seguito dei gravi contrasti all’interno della coalizione di maggioranza.

Il Governo Rumor V è stato il trentesimo governo della Repubblica italiana ed è rimasto in carica per 254 giorni. Alla composizione del governo c’era il tripartito: Democrazia Cristiana (DC), Partito Socialista Italiano (PSI), Partito Socialista Democratico Italiano (PSDI).

La stranezza storica: due governi guidati dallo stesso Premier

Il golpe cileno: l’11 settembre dimenticato.

“Il giorno più nero della storia del Cile spuntò coperto di nuvole. La primavera alle porte, atterrita dall’orrore che si avvicinava, aveva deciso di negarci i primi tepori (…)”. Luis Sepùlveda

www.fanpage.it

Trascorso un giorno dalla commemorazione che  come ogni anno coinvolge il mondo nel ricordo delle vittime delle Torri Gemelle, voglio raccontare un altro 11 settembre. Dimenticato, scarsamente celebrato, sicuramente poco studiato. Correva l’anno 1973. Protagonista il Cile, e il governo di Salvador Allende che quel giorno fu spazzato da un colpo di stato da cui nacque la più famigerata dittatura sudamericana.

Qui è morta la speranza dei palermitani onesti

Fonte: www.legalitaegiustizia.it

Fonte: www.legalitaegiustizia.it

“Mi mandano in una realtà come Palermo, con gli stessi poteri del prefetto di Forlì” . Questa la celebre frase di Carlo Alberto dalla Chiesa.

Correva l’anno 1982

Egli venne nominato dal Consiglio dei Ministri prefetto di Palermo e posto contemporaneamente in congedo dall’Arma. In un primo momento tale nomina lo disorientò, considerato che nel suo passato lavorativo la sua più grande lotta l’aveva gestita contro le BR, ma egli obbedì comunque. Venne convinto dall’allora Ministro dell’Interno Virginio Rognoni con la promessa di ottenimento di poteri fuori dall’ordinario per contrastare la mafia. Ebbene questi poteri non giunsero mai. 

Seconda guerra mondiale. Per non dimenticare

Fonte: www.archiviodegliiblei.it

Fonte: www.archiviodegliiblei.it

1 settembre 1939  Ricorre oggi il 75° anniversario dell’inizio della seconda guerra mondiale.

Premesse storiche all’inizio della guerra

Il duro trattamento deciso per la Germania, da parte del trattato di Versailles, in seguito alla sconfitta della prima guerra mondiale e le difficoltà economiche, dovute al pagamento dei debiti di guerra imposti dal trattato, causarono un grande malcontento nel popolo tedesco. Essi favorirono la scalata al successo di Adolf Hitler e del suo movimento politico, che col passare del tempo assunse il controllo dello Stato.

I Have A Dream. Ricordiamo Martin Luther King

1-19-Martin-Luther-King-ftr

I Have A Dream questa è la frase incisiva che il 28 agosto 1963 il reverendo Martin Luther King ripeteva insistentemente al suo pubblico.

La storia

Un discorso pronunciato al termine di una marcia di protesta per i diritti civili davanti al Lincoln Memorial di Washington. Quel giorno a Washington erano presenti 250.000 persone, ma nella folla si distinguevano chiaramente i membri della polizia, decisamente sopra la media. Difatti il presidente John F. Kennedy aveva il timore che la protesta potesse degenerare in un conflitto dalle grandi proporzioni. Quel giorno, invece, a smentire i suoi timori furono gli stessi presenti, che intonarono una marcia pacifica.